Mara Petronio

Mara Petronio

Definizione di Glamour e Boudoir

Il Glamour è uno stile di fotografia in cui viene posta particolare enfasi sul fascino e sull’erotismo della modella, dando al contempo minore importanza ad ogni altro elemento presente nella fotografia. Il termine Glamour infatti potremmo definirlo al meglio nella nostra italica lingua come fascino o seduzione.

Solitamente il risultato migliore si ottiene fondendo insieme il sapiente uso di cosmetici, luce ed acconciature.

La fotografia Glamour è quindi generalmente composta dalla modella, in posizione statica, non necessariamente nuda, in quanto il Glamour tende a concentrare la propria attenzione più sugli elementi simbolici della foto o sull’enfasi del modello.

La Lingerie è l’abbigliamento più utilizzato.

Secondo la giornalista e filosofa Virginia Postrel in The Power of Glamour: Longing and the Art of Visual Persuasion, splendido libro che definisce il concetto di Glamour, è “come l’umorismo: una forma di comunicazione che genera una risposta emotiva”.

Secondo la Postrel tutto ciò che è glamour si basa su 3 elementi essenziali:
1. Una promessa di fuga e trasformazione
2. Grazia
3. Mistero

Sempre citando le sue parole e i suoi concetti potremmo definire che il glamour è:
1. Fumare. Accendere una sigaretta è intimo e sensuale
2. La California. Il Golden State. Palme. Tramonti. Corpi al sole. Tutto dorato
3. La Principessa. Dalle favole alle riviste di gossip. Una vita senza fatica
4. Il Supereroe. Identità nascoste. Capacità di volo. Personalità inafferrabili. Corpi scolpiti
5. Le Donne che camminano. Dove vanno? Da dove vengono? Le seguiamo?
6. Shanghai. Esotico. Proibito. Straniero. Bello
7. La Finestra. Apertura e negazione. La luce entra ma rimane fuori. Gli occhi indiscreti di chi curiosa dentro
8. Abbronzatura. Terre distanti

Quindi il Glamour è una parola di significato incerto e vago, certamente non è una proprietà che appartiene agli oggetti, ma è tutto negli occhi e nella mente di chi guarda. La modella, il fotografo e il trucco concorrono semplicemente ad accendere quelle sensazioni, quelle percezioni.

Mara Petronio

Il Boudoir è un genere di fotografia che coinvolge il soggetto femminile in pose sessualmente allusive e sensuali. È tutta concentrata ad enfatizzare le qualità estetiche del soggetto e sull’abilità del processo fotografico sulla natura stimolante dell’immagine.

La parola Boudoir è stata usata nell’arco della storia come il nome delle stanze utilizzate dalle donne. Il termine è quindi collegabile alla camera da letto, o al massimo ad uno spogliatoio, ambienti decisamente intimi, caldi e privati.

Boudoir deriva dalla parola francese bouder che significa “fare il broncio”.

La fotografia Boudoir gioca sull’idea di stuzzicare il soggetto che guarda, suggerendo ciò che effettivamente non viene mostrato. La modella, quindi, solitamente è seminuda (ma parzialmente coperta), o in lingerie, un completo intimo, una camicia o reggicalze e guêpière, l’importante è che sia quanto più possibile naturale e a suo agio e al contempo sensuale tanto da lasciar viaggiare la fantasia.

Il Boudoir ha quindi come obiettivo delle foto raffinate e intime, ma non volgari ed esplicite, sensuali e calde, ma non feticismo di scarpe, piedi e tatuaggi in bella vista.

Considerata la possibilità di unificare le due forme d’arte, Glamour e Boudoir, abbiamo deciso di fare un percorso artistico che li possa fondere insieme al meglio in modo da restituire agli occhi di chi guarda la purezza e la bellezza dei soggetti fotografati che sprigionano sensualità da ogni pixel 😉

Advertisements

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: